Tributi

L'acconto TASI per l’anno d’imposta 2015 è eseguito, ai sensi dell’art. 13 comma 33 bis del D.L 201/2011 sulla base delle aliquote dei dodici mesi dell’anno precedente.
Il contribuente deve provvedere in autoliquidazione al versamento dell’imposta dovuta alle seguenti scadenze:
1^ RATA entro 16 giugno 2015 - 2^ RATA saldo/conguaglio entro 16 dicembre 2015.

L’acconto IMU per l’anno d’imposta 2015 è eseguito, ai sensi dell’art. 13 comma 33 bis del D.L 201/2011 sulla base delle aliquote e delle detrazioni dei dodici mesi dell’anno precedente (ALIQUOTE ANNO 2014).
Il contribuente deve provvedere in autoliquidazione al versamento dell’imposta dovuta alle seguenti scadenze:
1^ RATA entro 16 giugno 2015 - 2^ RATA saldo/conguaglio entro 16 dicembre 2015

Il Consiglio Comunale con delibere n. 45 del 26/06/2015 ha approvato le tariffe TARI Tassa sui Rifiuti per l'anno 2015

Che cos’è

La I.U.C., Imposta Unica Comunale, entrata in vigore dal 01/01/2014, è composta da:

- IMU (imposta municipale propria) componente patrimoniale, dovuta dal possessore di immobili, escluse le abitazioni principali;

- TASI (tributo servizi indivisibili)  componente servizi, a carico sia del possessore che dell’utilizzatore dell’immobile, per i servizi comunali;

- TARI (tributo servizio rifiuti) componente servizi destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti, a carico dell’utilizzatore.

 

Riferimenti
Responsabile del Servizio: Romina Pilia
Telefono: 0707239245 fax: 0707239206
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ubicazione: via Cagliari 91 - secondo piano

Ufficio:
Andrea Cossu - Tel. 0707239272 (Istruttore Direttivo Tecnico)
Maria Paola Dessì - Tel. 0707239289 (sportello IDRICO)
Giuliana Piras - Tel. 0707239203 (sportello IMU/TASI/Tributi minori)
Roberto Pisano - Tel. 0707239410 (sportello IDRICO)
Cristiana Sarais - Tel. 0707239218 (sportello TARI/TARES/TARSU)
Stefania Arca - Tel. 0707239290 (sportello TARI/TARES/TARSU)

Documenti:
File / URLOrd.Dimensione del FileCreato
Accedi a questo URL (http://www.comune.capoterra.ca.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2240:regolamento-per-la-disciplina-dell-imposta-unica-comunale-i-u-c&catid=524:regolamenti-in-vigore&Itemid=455)Regolamento per la disciplina dell'Imposta Unica Comunale I.U.C.010 kB13-09-2017 11:24
Scarica questo file (DGC 62 22.04.2016 aliquote IUC 2016_mod_Reg_IUC_TASI.pdf)Delibera G.C. n. 62 del 22/04/2016 02240 kB13-09-2017 11:27
Scarica questo file (L 147 27.12.2013_co639_707_728_mod_DL201_2011_IUC.pdf)L. 147/2013031447 kB13-09-2017 11:28
Scarica questo file (L 208_2015_Stabilita2016_co10_30_mod_DL201_2011_L147_2013.pdf)L. 208/201504113 kB13-09-2017 11:28

 
QUESTA IMPOSTA E' STATA SOSTITUITA DALLA TARI CON DECORRENZA 2014
 
Di che cosa si tratta?
TARES o Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi, è il nuovo tributo destinato a coprire totalmente i costi di gestione dei rifiuti urbani (vale a dire la raccolta, il trasporto, il recupero, il riciclo, il riutilizzo, il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti) e il servizio di pulizia delle strade; ha sostituito dal 1° gennaio 2013 la Tassa sui rifiuti solidi e urbani - TARSU.

A chi e' diretto?
Deve pagarla chi possiede, occupa o detiene locali o aree scoperte che possono produrre rifiuti urbani, a qualsiasi uso siano destinati (abitazioni, box, uffici, negozi, magazzini e loro pertinenze, ecc...). Bisogna pagare la TARES anche se non si è proprietari.

Dove chiedere informazioni?
- presso l'Ufficio Tributi del Comune, telefono 0707239218 fax 0707239206

Quali sono i costi?
Per l’anno 2013, fino alla determinazione definitiva delle tariffe relative al nuovo Tributo Comunale (TARES), l’importo delle rate può essere determinato in acconto, commisurandolo all’importo dovuto a titolo di TARSU

Come e quando si può pagare?
Per l’anno 2013 il tributo in acconto deve essere versato in tre rate con queste scadenze:
• 31 luglio
• 30 settembre
• 30 novembre
ovvero in unica soluzione entro il 30 novembre.
L’importo delle rate di saldo/conguaglio, calcolato sulla base dell’importo annuo dovuto a titolo di TARES 2013 e tenuto conto delle tariffe definitive stabilite con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 45 del 08/08/2013, prevede la riscossione in n. 3 (tre) rate entro le seguenti scadenze: 16 dicembre del corrente anno, 28 febbraio e 31 marzo 2014, ovvero in unica soluzione entro il 16 dicembre del corrente anno (Deliberazione del Consiglio Comunale n. 70 del 14 novembre 2013).
La rata con scadenza il 16 dicembre c.a. sarà comprensiva della maggiorazione standard pari a 0,30 euro per metro quadrato riservata allo Stato.
I modelli F24 di pagamento vengono inviati al domicilio dei contribuenti.

Dove si può pagare?
presso tutti gli sportelli postali o bancari

Normativa:

Delibera CC n. 45/2013 di approvazione delle tariffe tares
Delibera CC n. 70/2013 di ridefinizione delle rate e delle scadenze per il 2013
Art. 14 del D.L. 6 dicembre 2011
Regolamento per l'applicazione e l'istituzione della TARES (e relative delibere di approvazione e modifica) 

Documenti:
Tariffe

QUESTA IMPOSTA E' STATA SOSTITUITA DALLA TARI CON DECORRENZA 2014
 
 
Di che cosa si tratta?
E' la tassa dovuta al Comune per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, oltre che di spazzamento delle strade pubbliche. La tassa viene applicata sulla base del costo totale del servizio di raccolta e successivo smaltimento usando come parametro la superficie dei locali di abitazione e di attività che possono dare origine a rifiuti di varia natura.

A chi e' diretto?
A chiunque occupi o conduca a qualunque titolo locali o aree scoperte che per la loro natura possono produrre rifiuti.

Dove chiedere informazioni?
- presso l'Ufficio Tributi del Comune, telefono 0707239.218 fax 0707239203

Quali sono i costi?
le tariffe sono fissate con regolamento comunale e deliberazione della Giunta Comunale (n. 26 del 10/03/2008):
a) locali ad uso abitativo: € 2,20/mq;
b) locali ad uso botteghe artigiane, circoli, ecc: € 5,81/mq;
c) locali ad uso uffici pubblici, uffici privati, commercio: € 6,28/mq;

Ai sensi del D.Lgs. 504/92 tali importi sono maggiorati del 5% a favore della Provincia e del 10% a favore del Comune.

Come si può pagare?
Per gli avvisi di pagamento emessi dalla soc. Gema spa (ex concessionario)
- a mezzo di bollettini conto corrente postale n. 1007124074 intestato a "Comune Di Capoterra Servizio Tesoreria Tassa Rifiuti Solidi Urbani Tarsu - Via Cagliari 91 - 09012 Capoterra CA";
- tramite bonifico bancario o postale (IBAN: IT54E0760104800001007124074 - Codice SWIFT: BPPIITRRXXX) causale "Servizio Tarsu";

Per gli avvisi di pagamento inviati tramite il Banco di Sardegna (tesoriere comunale) secondo le modalità di pagamento indicante nell'avviso stesso utilizzando i bollettini ivi allegati.

Si raccomanda di non utilizzare per i pagamenti relativi al tributo degli anni precedenti i bollettini intestati alla Soc. Gema spa.

Dove si può pagare?
presso tutti gli uffici postali o gli istituti bancari

Normativa:

D.Lgs. 15 novembre 1993, n. 507
Regolamento comunale per l'applicazione della tassa di smaltimento dei rifiuti solidi urbani

Documenti:
Modulistica

 
Di che cosa si tratta?
E' il tributo comunale al quale sono soggetti tutti coloro che intendono affiggere manifesti, locandine, targhe, insegne o fare qualsiasi altra forma di pubblicità (anche mediante volantinaggio) nell'ambito del territorio comunale.

A chi e' diretto?
E' rivolto a chi intende effettuare, in forma temporanea o permanente, qualsiasi forma di pubblicità in luoghi pubblici o aperti al pubblico.

Dove chiedere informazioni?
- presso l'Ufficio Tributi del Comune, telefono 0707239.218/289/290 fax 0707239203

Quali sono i costi?
le tariffe sono fissate con deliberazione della Giunta Comunale e dal regolamento comunale

Come si può pagare?
- a mezzo di bollettini conto corrente postale n. 1007122672 intestato a "Comune Di Capoterra Servizio Tesoreria Imp. Com. Pubbl. Diritti Pubbl. Affiss. - Via Cagliari 91 - 09012 Capoterra CA";
- tramite bonifico bancario o postale (IBAN: IT78E0760104800001007122672 - Codice SWIFT: BPPIITRRXXX) causale "Servizio Pubblicità";

Dove si può pagare?
presso tutti gli uffici postali o gli istituti bancari

Normativa:

D.Lgs. 15 novembre 1993, n. 507
Regolamento comunale per la disciplina della pubblicità e delle affissioni



Documenti:
FileOrd.Dimensione del FileCreato
Scarica questo file (TARIFFE PUBB E PUBB AFFISSIONI 2018 nuovo.pdf)Tariffe (agg. 2018) 54 kB12-02-2018 09:07
Scarica questo file (DGC 26 07.02.2018 DGC tariffe ICP DPA 2018.pdf)Delibera 26/2018 - conferma tariffe per il 2018 241 kB12-02-2018 09:08

Di che cosa si tratta?
E' il tributo comunale al quale sono soggette le occupazioni di qualsiasi natura, effettuate nelle strade e nelle piazze e comunque su beni appartenenti al patrimonio indisponibile del Comune.

A chi e' diretto?
A chi intende utilizzare, in forma temporanea o permanente, parti di suolo pubblico in vie, marciapiedi o piazze per esporre merci, collocare tavolini, gazebo, vasi o fioriere, sistemare rastrelliere per biciclette, installare chioschi, o occupare suolo pubblico con strutture di cantiere o scavo. Occorre inoltrare al Comune apposita domanda e pagare la relativa tassa.

Dove chiedere informazioni?
- presso l'Ufficio Tributi del Comune, telefono 0707239.218/289/290 fax 0707239.206

Quali sono i costi?
le tariffe sono fissate con deliberazione della Giunta Comunale e regolamento comunale

Come si può pagare?
- a mezzo di bollettini conto corrente postale n. 1007125766 intestato a "Comune Di Capoterra Servizio Tesoreria Tassa Occupazione Suolo Pubblico - Via Cagliari 91 - 09012 Capoterra CA";
- tramite bonifico bancario o postale (IBAN: IT04P0760104800001007125766 - Codice SWIFT: BPPIITRRXXX) causale "Servizio Tosap";

Dove si può pagare?
presso tutti gli uffici postali o gli istituti bancari

Normativa:
D.Lgs. 15 novembre 1993, n. 507
Regolamento comunale per l'applicazione della tassa di occupazione sugli spazi ed aree pubbliche



 
Documenti:
FileOrd.Dimensione del FileCreato
Scarica questo file (cc_20_2018.pdf)Delib. 20/2018 - esenzione tende e passi carrabili 211 kB13-04-2018 10:36
Scarica questo file (TARIFFE_TOSAP_PERMANENTE_CAPOTERRA new.pdf)Tariffe per l\'occupazione permanente (agg. 2018) 852 kB12-02-2018 09:13
Scarica questo file (TARIFFE_TOSAP_CAPOTERRA_temporanea new.pdf)Tariffe per l\'occupazione temporanea (agg. 2018) 1154 kB12-02-2018 09:13


Di che cosa si tratta?
Presuposto dell'imposta e' il possesso di fabbricati, aree fabbricabili e terreni agricoli, siti nel territorio del Comune e a qualsiasi uso destinati o alla cui produzione o scambio e' diretta l'attivita' dell'impresa.

A chi e' diretto?
Ai proprietari di immobili (fabbricati ed aree fabbricabili), anche se non residenti in Italia, ovvero i titolari del diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, superficie, enfiteusi, il concessionario di immobili insistenti su aree demaniali, la cui titolarita' deve risultare da un regolare contratto notarile. Per gli immobili condotti in leasing, soggetto passivo è il locatario.

Si informa che dall'anno 2008 è esclusa dall’applicazione dell’imposta comunale sugli immobili l’unità immobiliare adibita ad abitazione principale del Contribuente e relative pertinenze, fatta eccezione per le unità immobiliari appartenenti alle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 (e relative pertinenze) per le quali l’imposta continua ad essere dovuta.


Dove chiedere informazioni?
- presso l'Ufficio Tributi del Comune, telefono 0707239.203/290 fax 0707239.203

Quali sono i costi?
le aliquote per l'anno 2011, fissate con deliberazione del Consiglio Comunale n. 15 del 03/05/2011, sono di seguito indicate:
- 4,50 per mille - aliquota agevolata per l'abitazione principale e relative pertinenze
- 6,00 per mille - aliquota ordinaria (aree fabbricali e altri fabbricati)
la detrazione spettante per l'abitazione principale e' pari a 103,29 euro

Come si può pagare?
- a mezzo di bollettini conto corrente postale n. 1007125303 intestato a "Comune Di Capoterra Servizio Tesoreria Ex Imposta Comunale Immobili Ici - Via Cagliari 91 - 09012 Capoterra Ca";
- tramite bonifico bancario o postale (IBAN: IT12U0760104800001007125303 - Codice SWIFT: BPPIITRRXXX) causale "Ex imposta Comunale Immobili ICI";
-tramite modello F24 presso qualsiasi sportello bancario o postale o online;
Acconto del 50% o in unica soluzione entro il 16 giugno;
il saldo tra il 1° ed il 16 dicembre.

Dove si può pagare?
presso tutti gli uffici postali o gli istituti bancari

Come si calcola:

Calcolo online dell'ICI da versare

Normativa:
D.Lgs. 504/1992
Regolamento comunale per l'applicazione dell'imposta comunale sugli immobili

Documenti:
Modulistica

Link utili:
Ministero delle Finanze

 

Di che cosa si tratta:
E' l'importo dovuto per il consumo di acqua potabile, con la stessa bolletta vengono inoltre conteggiati anche i servizi di fognatura e di depurazione.

A chi e' diretto: 
Ai titolari di utenza idrica e/o fognaria.

Dove chiedere informazioni:
- presso l'Ufficio Tributi del Comune, telefono 0707239218 fax 0707239206

- presso la SOGET SpA, via Matteotti, 29 - Capoterra, telefono 070.7241164 - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 
Orari: lunedì-venerdì dalle ore 9,00 alle ore 13,00, martedì dalle ore 15,30 alle ore 17,30.

 

Quali sono i costi:
Le tariffe sono fissate con deliberazione della Giunta Comunale e Regolamento Comunale.
(vedere sezione Documenti in basso)


Come si può pagare:
- a mezzo di bollettini conto corrente postale n. 1007124694 intestato a "Comune Di Capoterra Servizio Tesoreria Canoni Consumi Idrici Acque Reflue Depurazione - Via Cagliari 91 - 09012 Capoterra CA";
- tramite bonifico bancario o postale (IBAN: IT38O0760104800001007124694 - Codice SWIFT: BPPIITRRXXX) causale "fattura consumi idrici n.__";
- con domiciliazione bancaria (RID)

Per gli avvisi di pagamento inviati tramite il Banco di Sardegna (tesoriere comunale) secondo le modalità di pagamento indicante nell'avviso stesso utilizzando i bollettini ivi allegati.

Si raccomanda di non utilizzare per i pagamenti relativi al tributo degli anni precedenti i bollettini intestati alla Soc. Gema spa.

Dove si può pagare:
presso tutti gli uffici postali o gli istituti bancari


Riferimenti: 

Responsabile del Servizio: Romina Pilia
Funzionari: Andrea Cossu
Sportello Idrico: Maria Paola Dessì - Roberto Pisano

Link alla modulistica ufficiale da scaricare

 

Altri link utili:

EGAS Ente di Governo dell'Ambito della Sardegna

 


Soggetti obbligati
Sono obbligati al pagamento dell'addizionale IRPEF tutti i contribuenti per i quali nell'anno di riferimento risulta dovuta l'irpef. Soggetti passivi dell'addizionale sono, quindi, tutte le persone fisiche.
Non sono soggetti obbligati all'addizionale irpef:
* i contribuenti soggetti all'irpeg;
* i contribuenti che possiedono solo redditi esenti dall'irpef;
* i contribuenti che possiedono solo redditi soggetti ad imposta sostitutive dell'irpef;
* i contribuenti che possiedono solo redditi soggetti a tassazione separata;
* i contribuenti che non devono pagare l'irpef o che dovendola pagare non sono tenuti a versarla in quanto inferiore al limite stabilito dalla norma.

Base imponibile
I contribuenti soggetti all'addizionale comunale determinano l'importo dovuto applicando l'aliquota dell'addizionale al reddito imponibile IRPEF ex art. 3 del T.U. 917/86.

Ente impositore
L'imposta è dovuta nel Comune in cui il contribuente ha il domicilio fiscale alla data del 1 gennaio dell'anno cui si riferisce l'addizionale stessa, (le persone fisiche residenti nel territorio dello Stato hanno il domicilio fiscale nel Comune nella cui anagrafe sono iscritte. Quelle non residenti hanno il domicilio fiscale nel Comune in cui si è prodotto il reddito o se il reddito si è prodotto in più Comuni, nel Comune in cui si è prodotto il reddito più elevato).

Sostituto d'imposta
Relativamente ai redditi di lavoro dipendente e a quelli assimilati, l'acconto dell'addizionale comunale dovuta, è determinata, in sede di conguaglio di fine anno, dai sostituti d'imposta di cui agli art. 23 e 29 del Dpr n.600/73 ed il relativo importo è trattenuto in un numero massimo di 9 rate mensili, effettuate a partire dal mese di marzo.
Il saldo dell'addizionale dovuta è determinato all'atto delle operazioni di conguaglio di fine anno e il relativo importo è trattenuto in un numero massimo di undici rate, a partire dal periodo di paga successivo e comunque non oltre il mese di Novembre.
In caso di conguaglio per cessazione del rapporto di lavoro il saldo e l’eventuale acconto residuo verranno trattenuti in un’unica soluzione fino a concorrenza della retribuzione, le eventuali restanti rate dovranno essere versate direttamente dal dipendente.

Versamenti
A decorrere dall'1/1/2008, il versamento dell'addizionale comunale irpef è effettuato direttamente ai Comuni di riferimento, tramite Mod. F24, indicando apposito codice tributo e catastale, assegnato a ciascun comune: codice catastale di Capoterra: B675. (visualizza la tabella dei codici catastali di tutti i Comuni).
Per la generalità dei contribuenti il versamento è effettuato a saldo e in acconto unitamente al saldo dell'imposta sul reddito delle persone fisiche (irpef), con la dichiarazione dei redditi.


Aliquota
Addizionale comunale sul reddito imponibile anno 2001 aliquota 0,4 %
delibera CC n 17 del 13.02.2001
Addizionale comunale sul reddito imponibile anno 2002 aliquota 0,4 %
delibera CC n 175 del 05.12.2001
Addizionale comunale sul reddito imponibile anno 2003 aliquota 0,4 %
delibera CC n 51 del 06.03.2003
Addizionale comunale sul reddito imponibile anno 2004 aliquota 0,4 %
delibera CC n 38 del 11.03.2004
Addizionale comunale sul reddito imponibile anno 2005 aliquota 0,4 %
delibera CC n 12 del 08.02.2005
Addizionale comunale sul reddito imponibile anno 2006 aliquota 0,4 %
delibera CC n 50 del 05.04.2006
Addizionale comunale sul reddito imponibile anno 2007 aliquota 0,5 %
delibera CC n 11 del 30.03.2007
Addizionale comunale sul reddito imponibile anno 2008 aliquota 0,5 %
delibera CC n 5 del 31.03.2008
Addizionale comunale sul reddito imponibile anno 2009 aliquota 0,5 %
delibera CC n 15 del 31.03.2009
Addizionale comunale sul reddito imponibile anno 2010 aliquota 0,5 %
delibera CC n 19 del 31.03.2010
Addizionale comunale sul reddito imponibile anno 2011 aliquota 0,5 %
delibera CC n 14 del 03.05.2010
 

Addizionale comunale sul reddito imponibile anno 2012 aliquota variabile
delibera CC n 6 del 06.02.2012
Tabella aliquote Addizionale IRPEF anno 2012
Aliquota
Applicabile a scaglione di reddito imponibile
0,60

fino a 15.000,00 euro

0,65

oltre 15.000,00 euro e fino a 28.000,00 euro

0,78

oltre 28.000,00 euro e fino a 55.000,00 euro

0,79

oltre 55.000,00 euro e fino a 75.000,00 euro

0,80

oltre 75.000,00 euro

 

Addizionale comunale sul reddito imponibile anno 2013 aliquota variabile
delibera CC n 62 del 13.12.2012
Tabella aliquote Addizionale IRPEF anno 2013
Aliquota
Applicabile a scaglione di reddito imponibile
0,60

fino a 15.000,00 euro

0,65

oltre 15.000,00 euro e fino a 28.000,00 euro

0,78

oltre 28.000,00 euro e fino a 55.000,00 euro

0,79

oltre 55.000,00 euro e fino a 75.000,00 euro

0,80

oltre 75.000,00 euro

 

Addizionale comunale sul reddito imponibile anno 2014 aliquota variabile v. Tabella
delibera CC n 78 del 13.12.2013
Tabella aliquote Addizionale IRPEF anno 2014
Aliquota
Applicabile a scaglione di reddito imponibile
0,60

fino a 15.000,00 euro

0,65

oltre 15.000,00 euro e fino a 28.000,00 euro

0,78

oltre 28.000,00 euro e fino a 55.000,00 euro

0,79

oltre 55.000,00 euro e fino a 75.000,00 euro

0,80

oltre 75.000,00 euro


Normativa:
D.Lgs. 360/1998

Documenti:
Regolamento per l'istituzione dell'addizionale comunale all'IRPEF

Collegamenti utili:
Ministero delle Finanze

 

Documenti:
FileOrd.Dimensione del FileCreato
Scarica questo file (delibera_irpef_2014.pdf)Deliberazione del Consiglio Comunale n. 78 del 13/12/2013 233 kB16-05-2014 11:41
Scarica questo file (CC_irpef2013_n62_2012.pdf)Deliberazione del Consiglio Comunale n. 62 del 13/12/2012 232 kB29-05-2014 16:21
Scarica questo file (cc_6_2012_irpef.pdf)Deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 6/2/2012 281 kB29-05-2014 16:27

La gestione on line dei nuovi servizi tributari al cittadino è possibile grazie al nuovo software hyperSIC.Portal.
hyperSIC.Portal è un FRONT-OFFICE UNICO pensato per rendere più agevole il contatto tra il cittadino ed il Comune. Si tratta di una delle prime applicazioni interattive di eGovernment realizzate ed è stato sviluppato dalla ApKappa di Milano e dalla Arionline di Cagliari.
Permette la totale condivisione, in tempo reale e via web, delle informazioni e dei documenti contenuti nelle banche dati interne, tra il Comune che lo utilizza ed il mondo esterno, attraverso una semplice connessione a Internet.
Attraverso questo “front-office unico” gli organismi pubblici esterni, le imprese operanti sul territorio e i semplici cittadini, dopo il rilascio di apposite autorizzazioni possono, nell’area dei Servizi Demografici resi loro disponibili, consultare, inserire o richiedere informazioni su procedimenti amministrativi che li riguardano direttamente.

L’accesso ai dati, costantemente monitorato e sicuro, è gestito attraverso un sistema di autorizzazioni a doppia chiave che risponde appieno alle norme riguardanti la privacy, il trattamento e la sicurezza dei dati.

La password per poter accedere alle informazioni tributarie, per le quali naturalmente ciascun singolo cittadino abbia un interesse diretto, viene rilasciata a seguito della richiesta di registrazione ai servizi web seguendo le procedure indicate nel sito. Ai richiedenti verrà inviata una password a mezzo del servizio postale; per ragioni di sicurezza l’utente dovrà utilizzare la password inviatagli per crearne, quindi, una propria, personalizzata e definitiva.


Vai ai tributi on line

Calendario eventi

stemma   Comune di Capoterra

   Città metropolitana di Cagliari